Ingegneria della manutenzione

L'ingegneria della manutenzione si pone come intermediaria tra le esigenze di un committente o gestore di immobili, di processi industriali, di reti di servizio e l'assuntore della manutenzione sotto forma di azienda di Global Service o di semplice azienda di manutenzione.

L’espletamento delle attività avviene tramite consulenze specifiche che si articolano in:

  • Analisi del sistema sia dal punto di vista topografico che anagrafico degli elementi contenuti in esso.
  • Definizione degli obiettivi misurabili di qualità (parametri oggettivi di disponibilità, affidabilità, manutenibilità, parametri soggettivi) in base alle sue esigenze specifiche nelle varie parti del sistema, tenendo conto della configurazione attuale degli impianti e delle parti edili (tecniche RAM).
  • Analisi di rischio (analisi FTA, FMEA/FMECA) per la classificazione delle criticità e progettazione di sistemi di testability atti ad ottimizzare il Costo del Ciclo di Vita.
  • Modellazione tecnico-economico del sistema in modo da agire nel campo della previsione dei costi ordinari e ammortamenti secondo le alternative della politica manutentiva (LCC), così da poter istituire contratti di Global Service veramente efficaci.
  • Progettazione delle specifiche di informatizzazione dei SIM per la progettazione della manutenzione e per la sua gestione capaci di coadiuvare il committente nel definire impostare e mantenere un costante controllo del know-how dell'impianto o dell'immobile.
  • Attività di coordinamento e controllo del buon funzionamento della manutenzione, anche attraverso strumenti di diagnostica quali l’utilizzo della termografia applicata alla conduzione ed alla gestione della manutenzione.
  • Affiancamento ai progettisti del sistema/opera nel formulare il progetto della manutenzione secondo la legge Legge quadro in materia di lavori pubblici (Fascicolo dell’opera)