Rilievi e valutazione dell'esposizione alle vibrazioni

Il D. Lgs. n. 81/2008, Titolo VIII, capo III prescrive specifiche metodiche di individuazione e valutazione dei rischi associati all'esposizione a vibrazioni del sistema mano-braccio (HAV) e del corpo intero (WBV).

Il campo di applicazione della normativa è suddiviso in 2 categorie:

  1. quanto trasmesso al sistema mano-braccio (in grado di determinare disturbi vascolari, osteoarticolari, neurologici o muscolari): tra le attrezzature possibili fonti di vibrazioni per il sistema mano-braccio vi sono demolitori, smerigliatrici, avvitatori, scalpellatori, motoseghe, decespugliatori, etc.
  2. le vibrazioni trasmesse al corpo intero (in grado di determinare lombalgie e traumi del rachide): tra le macchine che possono trasmettere vibrazioni al corpo intero vi sono quei mezzi di trasporto ove il lavoratore opera seduto.

 Il Datore di lavoro, in ogni caso, ha l’obbligo di:

  •  identificare le potenziali fonti di vibrazioni, verificando se e quali siano le modalità di esposizione dei propri lavoratori;
  • effettuare la valutazione, confrontando i valori di esposizione ottenuti con i limiti normativi, individuando le misure di riduzione del rischio;
  • rivalutare nuovamente, programmando per tempo una nuova serie di rilevi, quando sono trascorsi 4 anni dall'ultima valutazione;
  • redigere il documento, che diventa parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi (art. 28 del D. Lgs. 81/2008), contenente il programma di miglioramento.

 La società è in grado di supportare il Datore di Lavoro attraverso:

  1. Analisi preliminare del ciclo lavorativo tramite utilizzo di liste di controllo al fine di identificare i gruppi omogenei di lavoratori esposti ed il ciclo produttivo
  2. Valutazione del rischio sulla base dei dati di misurazioni svolte dai costruttori delle macchine (estrapolabili dal manuale uso e manutenzione delle stesse) e da misurazioni effettuate da enti notificati dal ministero, riportate in banche date ufficialmente riconosciute(ISPESL)
  3. Rilievo strumentale (mediante analizzatore integratore in classe 1 quattro canali), delle vibrazioni meccaniche trasmesse al sistema mano-braccio ed al corpo intero, generate da macchine,attrezzature ed impianti;
  4. Stesura del Documento di valutazione del Rischio unitamente
  5. Stesura del materiale informativo per i lavoratori
  6. Supporto alla scelta di Dispositivi di Protezione Individuale